LPI201 – LPIC-2 Exam Prep (Course 1)

2,400.00

Questo corso prepara gli studenti a sostenere l’esame LPI 201 della certificazione LPIC-2. Il Linux Professional Institute (LPI) è l’organismo di certificazione per le certificazioni Linux indipendenti dal vendor. Questo corso copre le competenze Linux più avanzate come la gestione del sistema e il networking. Gli studenti saranno sicuri di sostenere l’esame LPI LPIC-2 201 con valutazioni in classe ed esami di pratica.

COD: LPI201 Categorie: , , , Tag: , , , , , , , ,

Descrizione

Prerequisiti

 

Distribuzioni supportate

  • Red Hat Enterprise Linux 7
  • SUSE Linux Enterprise 12

 

Contenuti del Corso

  1. PIANIFICAZIONE DELLA CAPACITÀ
    1. Obiettivi LPI coperti
    2. Risoluzione dei problemi di utilizzo delle risorse
    3. Raccolta delle informazioni di sistema
    4. Processi di visualizzazione
    5. Strumenti di gestione dei processi
    6. Processi di risoluzione dei problemi: top
    7. I/O di rete
    8. uptime & w
    9. Isof e fuser
    10. Stato del sistema – Memoria
    11. Stato del sistema – I / O
    12. Stato del sistema – CPU
    13. Performance Tendenza con sar
    14. Soluzioni di monitoraggio della rete
    15. Rappresentazione grafica dei dati SNMP con MRTG
    16. Panoramica di Nagios
    17. Nagios Configurazione

    LAB

    1. Nozioni di base sulla gestione dei processi
    2. Nagios (interfaccia web)
  2. PROCESSO DI AVVIO E INIZIO SYSV
    1. Obiettivi LPI coperti
    2. Avvio di Linux su PC
    3. Configurazione di GRUB 2
    4. Parametri di avvio
    5. init
    6. Linux Runlevels Aliases
    7. / etc / inittab (Legacy)
    8. Systemd local-fs.target e sysinit.target
    9. Tipico SysV Init Script (legacy)
    10. Supporto per script di avvio locale legacy
    11. Gestione dei demoni SysV Init (legacy)
    12. Controllo dell’avvio del servizio SysV Init (legacy)
    13. Systemd System and Service Manager
    14. Modifica dei servizi di sistema
    15. Utilizzando systemd
    16. Systemd local-fs.target e sysinit.target
    17. Systemd basic.target e multi-user.target
    18. Arresto e riavvio

    COMPITI DI LAB

    1. Processo di avvio
    2. Riga di comando di GRUB
    3. Sicurezza GRUB di base
    4. Gestione dei servizi con systemctl di Systemd
    5. Creazione di un file di unità di sistema
    6. Introduzione ai laboratori di risoluzione dei problemi
    7. Pratica per la risoluzione dei problemi: processo di avvio
  3. RECUPERO DI SISTEMA E BOOTLOADER
    1. Obiettivi LPI coperti
    2. Diagnostica / Recupero
    3. Procedure di salvataggio
    4. Ripristino: mount e chroot
    5. Esempi di recupero
    6. Ripristino: utilità di rete
    7. GRUB 2
    8. systemd-boot & U-Boot
    9. SYSLINUX
    10. Avvio in rete con PXE

    LAB

    1. Runlevel di recupero
    2. Ripristino MBR danneggiato
    3. Ripristina da file critici eliminati
    4. Utilizzo della modalità di riparazione automatica SUSE
  4. LINUX KERNEL: COMPONENTI E COMPILA
    1. Obiettivi LPI coperti
    2. Perché compilare?
    3. Ottenere l’origine del kernel
    4. Prepararsi alla compilazione
    5. Configurazione delle opzioni di compilazione del kernel
    6. Opzioni di compilazione del kernel disponibili
    7. Compilare il kernel
    8. Installa i moduli del kernel compilati
    9. File system RAM iniziale
    10. Suggerimenti e trucchi
    11. Installazione del kernel
    12. Risoluzione dei problemi con GRUB 2
    13. Risoluzione dei problemi del processo di avvio
    14. Risoluzione dei problemi: Linux e Init
    15. Strumenti di rilevamento hardware
    16. Configurazione di nuovo hardware con hwinfo
    17. Configurazione dei componenti e dei moduli del kernel
    18. Moduli del kernel
    19. Gestione delle dipendenze del modulo
    20. Dynamic Kernel Module System (DKMS)
    21. Risoluzione dei problemi dei moduli del kernel
    22. Configurazione del kernel tramite / proc /
    23. udev

    LAB

    1. Regolazione delle opzioni del kernel
    2. Compilazione del driver del kernel Linux
    3. Compilazione del kernel Linux
  5. AMMINISTRAZIONE DEL FILESYSTEM
    1. Obiettivi LPI coperti
    2. Supporto per filesystem
    3. Montaggio di filesystem
    4. Tabella del filesystem (/ etc / fstab)
    5. AutoFS
    6. Configurazione AutoFS
    7. Gestione dei supporti ottici
    8. Partizionamento dei dischi con fdisk e gdisk
    9. Ridimensionare una partizione GPT con gdisk
    10. Partizionamento dei dischi con parted
    11. Partizionamento del disco non interattivo con sfdisk
    12. Introduzione a Btrfs
    13. Creazione del filesystem
    14. Manutenzione del filesystem
    15. smartmontools
    16. Ridimensionamento dei filesystem
    17. Gestione di un filesystem XFS
    18. Swap
    19. Crittografia file con encfs
    20. Linux Unified Key Setup (LUKS)
    21. Dispositivi a blocco persistente
    22. Elenco dei dispositivi a blocchi

    LAB

    1. Accesso alle condivisioni NFS
    2. Montaggio del filesystem su richiesta con AutoFS
    3. Scambio di aggiunte a caldo
    4. Creazione di immagini ISO per i backup
    5. smartd e smartctl
    6. File system crittografato in formato LUKS-on-disk
  6. LVM e RAID
    1. Obiettivi LPI coperti
    2. Gestione del volume logico
    3. Implementazione di LVM
    4. Creazione di volumi logici
    5. Attivazione di VG LVM
    6. Esportazione e importazione di un VG
    7. Esame dei componenti LVM
    8. Modifica dei componenti LVM
    9. Panoramica LVM avanzata
    10. LVM avanzato: componenti e tag oggetto
    11. LVM avanzato: tiering dello storage automatizzato
    12. LVM avanzato: thin provisioning
    13. LVM avanzato: striping e mirroring
    14. LVM avanzato: volumi RAID
    15. Strumento grafico SLES
    16. Concetti RAID
    17. Creazione di array con mdadm
    18. Monitoraggio RAID software
    19. Controllo e visualizzazione del software RAID

    LAB

    1. Creazione e gestione di un array RAID-5
    2. Creazione e gestione di volumi LVM
  7. REGOLAZIONE DELL’ACCESSO AL DISPOSITIVO DI MEMORIZZAZIONE E ISCSI
    1. Obiettivi LPI coperti
    2. Sintonizzazione con hdparm
    3. Dispositivi SCSI
    4. Memoria SSD e NVMe
    5. Panoramica sull’archiviazione remota
    6. Protocolli di filesystem remoti
    7. Protocolli del dispositivo di blocco remoto
    8. Architettura iSCSI
    9. Implementazione dell’iniziatore Open-iSCSI
    10. Individuazione iniziatore iSCSI
    11. Amministrazione nodo iniziatore iSCSI
    12. Montaggio dei target iSCSI all’avvio
    13. Considerazioni sul multipathing iSCSI

    LAB

    1. Configurazione iniziatore iSCSI
  8. NETWORKING DEL CLIENTE
    1. Obiettivi LPI coperti
    2. Interfacce di rete Linux
    3. Strumenti hardware Ethernet
    4. Configurazione di rete con comando ip
    5. Configurazione delle tabelle di routing
    6. Mappatura degli indirizzi da IP a MAC con ARP
    7. Configurazione di rete con comando ip
    8. Avvio e arresto delle interfacce
    9. IPv6
    10. Estensioni e strumenti wireless di Linux
    11. Scoperta di strumenti wireless
    12. Network manager
    13. Strumento di configurazione della rete SUSE YaST
    14. Diagnostica di rete
    15. Informazioni da ss e netstat
    16. Alla scoperta dei servizi raggiungibili
    17. Nmap
    18. netcat
    19. tcpdump e WireShark
    20. Risoluzione dei problemi di rete
    21. Risoluzione dei problemi di rete

    LAB

    1. Rete client di base
    2. Fondamenti wireless
    3. NMAP
  9. SISTEMA IN MANUTENZIONE
    1. Obiettivi LPI coperti
    2. Comandi di messaggistica di sistema
    3. Controllo della messaggistica di sistema
    4. Archivi con tar
    5. Controllo delle sessioni di accesso
    6. L’utilità di compressione gzip
    7. L’utilità di compressione bzip2
    8. L’utilità di compressione XZ
    9. Confronto tra modifiche ai file
    10. Compilazione / installazione da sorgente
    11. Librerie di nastri
    12. Software di backup
    13. Esempi di backup

    LAB

    1. Messaggi dalla riga di comando
    2. Messaggi con talkd
    3. Archiviazione e compressione
    4. Utilizzo di tar per i backup
    5. Utilizzo di cpio per i backup
    6. Utilizzo di rsync e ssh per i backup

Informazioni aggiuntive

durata

4 giorni

erogazione

Flex, in Aula, On Site, Remoto